Benvenuto in

Immobiliare Ferroni.

Acquisto prima Casa nel 2019 – Agevolazioni e Requisiti.

Febbraio 23, 2019

Anche per quest’anno sarà possibile godere di alcune agevolazioni per l’acquisto della “prima casa”, soprattutto per chi acquista da privati. Si tratta per lo più di proroghe di quanto già previsto nelle leggi finanziarie del 2017 e 2018. Coloro che beneficeranno del bonus sulla “prima casa” potranno godere anche di una riduzione dell’IVA, di detrazioni Irpef e del credito d’imposta. Potranno accedere a tali agevolazioni anche le imprese, con aliquote ed imposte differenti rispetto al soggetto privato.

Ecco in sintesi di cosa si tratta:

• riduzione IVA ordinaria dal 10% al 4% valida per i contribuenti che acquistano la casa direttamente dall’impresa esecutrice dei lavori, pagando in misura fissa 200 euro per imposta ipotecaria e catastale;

• imposta ipotecaria e catastale in misura fissa di 200 euro su acquisti per successioni o donazioni;

• imposta di registro al 2% quando si acquista un’immobile da privati, con imposta catastale e ipotecaria che ammontano rispettivamente a 50 euro;

• I compensi pagati a soggetti di intermediazione immobiliare per l’acquisto di un immobile da adibire ad abitazione principale sono detraibili dall’IRPEF nella misura del 19%, su un importo massimo di 1000 euro;

• credito d’imposta per coloro che vendono e riacquistano casa entro 12 mesi, in sostanza sottraendo l’imposta da pagare con quella già pagata per l’acquisto della precedente abitazione.

Le abitazioni che rientrano nei requisiti fanno parte delle seguenti categorie catastali: di tipo civile (A2); economico (A3); popolare (A4); ultrapopolare (A5); rurale (A6); villini (A7); alloggi tipici dei luoghi (A11). Sono escluse le abitazioni di pregio (A1), cioè le signorili, ville, castelli e palazzi storici.

L’immobile deve essere ubicato nel Comune di residenza del nuovo proprietario; se non è residente quest’ultimo deve provvedere al trasferimento della residenza entro 18 mesi. Si può anche accedere alle agevolazioni se l’acquirente dimostra di svolgere la propria attività lavorativa o di studio nel suddetto Comune. Inoltre l’acquirente non deve essere già titolare, esclusivo o in comunione con il coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su un’altra casa nel territorio del Comune nel quale si trova il “nuovo” immobile. Ovviamente l’acquirente non può accedere alle agevolazioni se ne ha già beneficiato in precedenza. Per poter mantenere il beneficio della “prima casa” è necessario che i beni acquistati con le agevolazioni non siano venduti, donati o dati in permuta nei successivi cinque anni dalla firma; tuttavia è possibile, entro un anno dalla vendita dell’immobile acquistato con i benefici prima casa, comprare un altro immobile da adibire ad abitazione principale, godendo in più di un credito d’imposta. Tale credito è corrispondente all’imposta di registro o all’IVA pagate per l’acquisto della prima casa ora venduta. Il credito d’imposta non può comunque essere superiore a quello dovuto sul secondo acquisto.

Quando si perdono le agevolazioni sull’acquisto?

  • in caso di falsa dichiarazione,
  • se non si trasferisce la residenza nel Comune in cui è ubicato l’immobile entro 18 mesi dall’acquisto di quest’ultimo,
  • in caso di vendita o donazione del bene prima di 5 anni dalla data d’acquisto, a meno che entro 12 mesi non si proceda al riacquisto di un altro immobile da adibire a propria abitazione principale.

In tali casi si dovrà pagare la differenza d’imposta non versata, una sanzione del 30% calcolata sul totale dell’imposta dovuta e gli interessi legali maturati fino all’accertamento o al ravvedimento.

Autore

@immobiliareferroni.

info@immobiliareferroni.com